Ciao a tutti, oggi recensiremo la M2R Warrior, mandatami per l’occasione dallo store Olight® Direct IT che ringrazio per l’opportunità e la fiducia concessami.



CLICCA QUI per andare alla pagina ufficiale sul sito Olight.

Ci tengo a precisare che le recensioni sono fatte a livello amatoriale e senza l’ausilio di strumenti scientifici o di test in laboratori segreti all’avanguardia pertanto, tra le righe che seguiranno, ci saranno anche le mie umili osservazioni.


Caratteristiche ufficiali prese dalla casa:

- high voltage 3500mAh 18650 lithium ion battery included, delivering a maximum output of 1,500 lumens.
- comfortable and firm grip with ergonomic knurling allowing the user to operate the tailswitch naturally without even looking at it due to it's smooth, barrier-less tail cap.
- aside from momentary or constant turbo from the standard operation mode, the light also features an enhanced tactical mode for one click instant access to strobe.
- compatible with all conventional 18650 batteries.
- rechargeable through the included 5V 750mAh OLIGHT USB magnetic charging cable or the optional OLIGHT Micro-Dok (II or above).


Dove acquistarla

La torcia in questione è acquistabile facilmente in Italia sulla pagina Amazon di Olight® Direct IT.


La confezione e gli accessori

La M2R Warrior arriva in una confezione rigida protettiva, inserita all'interno di una confezione in cartone leggero.
Esternamente, sulla facciata principale, sono presenti la foto del modello, il suo nome e quello del brand oltre, ovviamente, ad alcune specifiche tecniche.




Sul retro troviamo una descrizione del prodotto, le sue caratteristiche e specifiche nel dettaglio.



Su uno dei bordi, oltre al nome del brand, sono indicati i campi di utilizzo di questa torcia.



Una volta estratto il tutto dalla scatola, a chiusura della confezione protettiva, come ulteriore protezione, c'è un foglio in plastica trasparente che su una metà lascia intravedere il prodotto e sull'altra metà, ben in evidenza, è spiegato come usare la torcia.
Nel dettaglio, c'è l'avviso che va tolto il film plastico a protezione della cella prima di poter usare la torcia, la nota su come accedere alle due modalità della torcia (Standard e Tattica) e il funzionamento del tasto in coda (che vedremo in seguito).




Sotto il foglio in plastica ci sarà la torcia inserita all'interno di un vano appositamente sagomato e, accanto, gli accessori.



Una volta estratto tutto dai vari scomparti, avremo:

- la torcia
- la clip
- la batteria da 3500 mAh nominali (di base è inserita all'interno della torcia)

- il cavo USB (lungo poco più di 50 cm) con all'estremità la basetta magnetica, tipica degli ultimi modelli ricaricabili della Olight, per la ricarica
- un cordino
- il fodero

- un foglietto pubblicitario
- il manuale in diverse lingue, italiano incluso




Esternamente il fodero è in cordura ma al tatto, a differenza degli altri modelli, questo appare più spesso... come se fosse leggermente imbottito.
A differenza degli altri foderi, e per rimanere in tema stealth, questo ha l'apertura con un silenziosissima clip a pressione invece del rumoroso velcro. Su di esso è presente un lembo di cordura.
Lateralmente, sulla sinistra, sporge un lembo su cui è presente la scritta Olight.




Posteriormente sono presenti un D-ring in plastica e due passanti, uno dei quali è per la cintura mentre l'altro è per l'attacco M.O.L.L.E., la cui chiusura è gestita da un bottone a pressione.



Sul fondo è presente un occhiello.



La torcia può essere inserita in entrambi i versi e non ho riscontrato difficoltà di sorta.





Ecco la clip a pressione da chiusa. Il lembo di cordura è stato spostato momentaneamente al di sotto.



Con una lieve pressione si abbassa il "dente" in plastica e si fà scorrere via. L'azione può essere eseguita anche con una sola mano.



A seguire la scansione del foglietto pubblicitario





e del manuale nelle sole parti in inglese ed italiano che, a scelta, potete visionare e/o scaricare (gratuitamente) per intero direttamente dal sito Olight andando su QUESTA pagina.




La torcia

La M2R Warrior è la nuova torcia tattica compatta di casa Olight.
Il corpo, specialmente la parte centrale, presenta alcune delle novità estetiche viste nei recenti modelli ( ad esempio nella H2R NOVA) e mi riferisco alla zigrinatura rettangolare orizzontale di grandi dimensioni.
Anche testa e coda, seppur in maniera minima, presentano dei solchi
verticali che slanciano leggermente le forme.
Sono sempre presenti i dettagli in blu elettrico che contraddistingue i nuovi prodotti Olight.


In testa spiccano poi il nome Olight



ed il nome del modello. Questo lettering e quelli che vedremo poi non presentano sbavature.



Lungo il corpo, situato nella parte più spessa vicino alla testa della torcia e circondato da delle scanalature che migliorano la dissipazione, trova posto uno dei due tasti elettronici della torcia. Con questo si comanda la UI per gli utilizzi normali della torcia (vi rimando al paragrafo "Come funziona" per maggiori informazioni).
Il tasto sporge di poco dal corpo e al centro ha un puntino, ulteriormente rialzato, che ne facilita l'individuazione al buio. Dietro quel puntino c'è un piccolo LED rosso che si accende per comunicarci quando la tensione delle batterie è a livelli bassi e/o critici.
Il tasto è circondato da un anello color blu elettrico, la sua corsa è molto breve ed il click è mediamente rumoroso.



Sul retro, dalla parte opposta al tasto, è presente la scritta CE. Poco più sù, si posson notare meglio le scanalature orizzontali per la dissipazione.



Come scritto in precedenza la torcia arriva con la clip da tasca già inserita. La sua particolare forma ci permette di agganciare la torcia sia a testa in giù che in sù senza la necessità di spostarla.
La presa della doppia clip ha una buona morsa sugli abiti.



In testa è presente il LED XHP 35 HD, ben centrato nella sua sede e circondato da una parabola OP. Il LED della nostra torcia ha una tinta CW ma questa torcia viene venduta anche, sebbene gli esemplari siano pochi, con un LED con tinta NW. Ovviamente questi esemplari dalla tinta NW sono molto rari, se non introvabili,  in Europa.



Il vetro sovrastante la parabola ha il trattamento antiriflesso ed è circondato da un bezel leggermente seghettato dalla classica colorazione blu.



In coda, lateralmente, è presente un disegno che ci spiega che il secondo tasto, sempre elettronico, può essere premuto leggermente ("tap") per eseguire il momentary ON oppure premuto completamente per accendere la torcia o attivare lo STROBO. Anche qui vi rimando al paragrafo "Come funziona".



Piccola divagazione: accanto al disegnino si trova il foro in cui può essere inserito il lacciolo per il polso.



Il lacciolo esce dalla confezione e può essere inserito con estrema facilità grazie alla coppiglia metallica presente e che, dopo aver inserito il filo all'interno del foro, andrà tolta.



Tornando al tasto, esso è completamente metallico ed è convesso al centro. Anche l'anello che lo circonda è metallico ed entrambi, una volta collegati alla basetta magnetica di ricarica, contribuiscono a ricaricare la batteria posta all'interno.
Il magnete in coda le permette di attaccarsi su superfici metalliche sia orizzontali che verticali.
Il fondo della coda è completamente piatto e permette il tailstand della torcia.

Anche questo tasto ha corsa breve e, nonostante le sue due funzioni (tap e click completo), ha un suono molto ovattato.



Alla torcia si può svitare solo il tailcap, la cui filettatura è lubrificata, scivola bene ed è anodizzata. Il lock-out fisico sarà quindi possibile.
La prima volta che lo sviteremo, dovremo togliere il film in plastica che protegge la batteria da eventuali scariche parassite e scongiura accensioni accidentali.

Come da tradizione Olight, la cella è inserta al contrario ma, a differenza degli altri modelli, è una cella standard e non una proprietaria del brand con il doppio polo al positivo.



Estratta la cella, balza all'occhio un disegnino raffigurante la batteria e, cosa più importante, il verso della polarità da rispettare.



Primo piano dell'interno del tailcap al cui centro è presente la doppia molla dorata del polo positivo. Disegnini con il segno "+" circondano le molle e, all'esterno è presente un contatto



contatto che porta la corrente al polo negativo. Nella seguente immagine si può notare che il vano per la cella è circondato da 2 cerchi. Quello interno porta corrente e quello esterno è il corpo torcia.



Ed ecco la vista del polo negativo all'interno del corpo torcia. Anch'esso è costituito da una doppia molla dorata.
Vista la presenza delle molle su entrambi i poli, le batterie flat top sono accettate purchè si rispetti la polarità.




La batteria e il sistema di ricarica

La batteria che troviamo all'interno della torcia è una protetta button top ad alta capacità di scarica (10 A) rivestita da una guaina proprietaria della casa che riporta, oltre al codice del prodotto (ORB-186S35), i vari dati della cella come ad esempio la sua una capacità nominale di 3500 mAh. Ignoro la cella di base. La cella arriva con una tensione di
3,6v.
N.B. Se si volesse sostituire la cella con una non brandizzata Olight, al momento di acquistarne una (le non protette non sono obbligatorie) dovremo avere l'accortezza di tenere a mente che la torcia necessità di minino 6A per far funzionare il Turbo in maniera ottimale.

Ad un test con l'Opus risulta avere 3422 mAh reali.




A seguire varie foto del polo positivo sporgente (nella prima foto è stato affiancata la batteria con doppio polo (SX) a quella con il polo classico (DX)),





del negativo,



e di tutte le scritte ed informazioni riportate sulla guaina.











Come vi avevo anticipato, quando la cella raggiunge basse tensioni, il LED posto sotto il tasto lungo il corpo si illumina di rosso avvisandoci che è ora di mettere la torcia in carica.



Ricarica che sarà possibile effettuare grazie al particolare caricabatterie presente nella confezione. Da una parte ha una classica presa USB maschio, che può essere inserita in un qualsiasi dispositivo che ceda corrente, e dall'altra c'è la basetta proprietaria che si occupa di ricaricare la cella ad una velocità, secondo il manuale, di 0,75 A.
Nella basetta, dove si trova l'ingresso del cavo, sono presenti due LED colorati (uno rosso e uno verde) che ci informano sull'andamento della ricarica.




La basetta in questione è magnetica e, come si evince dalla foto seguente, la parte dorata esterna della basetta combacia con il disco metallico esterno della torcia mentre la parte centrale dorata combacia con la parte convessa del tasto.



Una volta collegata la torcia alla basetta, partirà il processo di ricarica ad una velocità di poco meno 0,80A. Il LED rosso posto sotto la basetta si accenderà per avvisarci che la ricarica è in corso.



Mentre si illuminerà di verde quando il processo giunge al termine. Processo che impiegherà 6 ore per terminare. La cella avrà, a fine carica, una tensione di 4,22v.




Come funziona

La M2R Warrior ha otto livelli selezionabili di cui uno è speciale (lo STROBO).

Secondo i dati ufficiali della casa, i livelli normali hanno le seguenti caratteristiche:

- Turbo 2 -> 1500 lumen

- Turbo 1 -> 1000 lumen
- High -> 700 lumen
- Med 1 -> 250 lumen
- Med 2 -> 60 lumen
- Low -> 15 lumen
- Moon -> 5 lumen


I due tasti elettronici della torcia le permettono di essere usata in due modi differenti, come se avesse due anime. Quella Standard e quella Tattica.

Iniziamo analizzando il tasto in coda. Esso ha due modalità chiamate rispettivamente modalità operativa standard (MOS) e modatità tattica migliorata (MTM). Le due modalità possono essere scelte a nostro piacimento e avranno le seguenti caratteristiche:
- MOS: momentary ON con il Turbo 1 (1000 lumen) con il tap, Turbo 1 acceso premendo il tasto fine a fine corsa (rimane acceso al rilascio);
- MTM: momentary ON con il Turbo 2 (1500 lumen) con il tap, STROBO tenendo premuto il tasto fino a fine corsa (si spegne al rilascio).

Ci sono due modi per selezionare una modalità o l'altra.
Il primo consiste nel premere e tenere premuto il tasto in coda fino a fine corsa per poi premere una volta il tasto sul corpo. Per selezionare la modalità, basta rilasciare.
Il secondo consiste nel tener premuto il tasto laterale, a torcia accesa, e fargli eseguire 3 loop di tutti i livelli fino a quando, sempre tenendo premuto, il LED si alternerà tra STROBO e Turbo. Bisognerà lasciare su uno dei 2 livelli. Infatti il primo attiverà la MTM, il secondo la MOS.


Passiamo ora al funzionamento del tasto sul corpo.

Con un singolo click si accende o si spegne la torcia all'ultimo livello selezionato (ha la memoria).

Da spenta, tenento il tasto premuto, si accede al moon. Questo livello può essere richiamato solo in questo modo.
Dal moon si possono ciclare i livelli (tenendo premuto) o spegnere la torcia (premendo una volta). La memoria ricorda questo livello.


I livelli normali sono Low, Med 2 e 1 e High. Tenendo il tasto premuto si cicla tra loro. Premendo una volta si spegne.


Un doppio click a torcia spenta farà accendere subito l'High. Un doppio click a torcia accesa farà accendere il Turbo, la cui potenza dipenderà dalla modalità selezionata (se abbiamo attiva la MOS, avremo un turbo da 1000 lumen mentre con la MTM avremo 1500 lumen).


Da spenta o da accesa, con un triplo click, accederemo allo Strobo.

Se la torcia verrà accesa con il tasto sul suo corpo e poi verrà richiamato il turbo o lo strobo con quello in coda, la torcia si spegnerà al rilascio di quest'ultimo.
Questo comportamento non è un difetto dato che, se si sta usando il tasto tattico, la torcia sta venendo usata in azioni rapide.
Questo accade perchè la UI tattica ha precedenza su quella classica.

La torcia può essere bloccata elettronicamente.
Per bloccarla dovremo tener premuto, a torcia spenta, il tasto laterale. Si accenderà prima il Moon per poi spegnersi. A questo punto entrambi i tasti non funzioneranno se pigiati.
Per sbloccarla bisognerà tenere premuto il tasto laterale.


Come valida alternativa al blocco elettronico, c'è il blocco fisico (basterà svitare di un po' il tailcap).


Dimensioni: pesi ed ingombri

La torcia è lunga 12,98 cm e il suo diametro va dai 2,29 ai 2,53cm. La parte più spessa però, quella con le alette dissipatrici, misura 2,64 cm.
La batteria è lunga 6,88 cm ed ha un diametro di 1,85 cm.
La sola torcia pesa 95 gr che diventano 105 gr con la clip e raggiungono i 154 gr con la batteria che da sola pesa 48 gr.

A seguire le foto per un paragone dimensionale tra un accendino BIC grande e la 18650




e una Olight S30R Baton III.




Lumen, runtime, candele e beamshot

N.B. Le prove a seguire sono state eseguite con la 18650 Olight uscita dalla confezione. Il tutto è stato eseguito in un ambiente casalingo a 21° e, a seconda dei test, con e senza ventilazione forzata.

I seguenti valori sono stati presi con la 18650 carica e sono da considerarsi di picco.



I seguenti valori sono stati presi con la 18650 carica e sono da considerarsi di picco.

N.B. Le curve di scarica sono ovviamente indicative ed il risultato potrebbe variare in positivo o in negativo a seconda delle batterie utilizzate dall'utente finale o dalle condizioni di utilizzo, che possono variare dalle mie durante i miei test.

Le eventuali leggere discrepanze inerenti le prove fatte su uno stesso livello sono da imputare ad un diverso posizionamento dell'attrezzatura di misurazione.





I seguenti valori sono stati presi con la 18650 carica e sono da considerarsi di picco.



La foto seguente è stata scattata ad una distanza di 20 cm dal muro.



Ampiezza fascio.



Foto fatte ai livelli Turbo 1, High, Med 1 e 2. La linea degli alberi è a 25 metri.
Con il braccio piegato a 90° e lo spot rivolto all'infinito, lo spill è distante circa 1 metro è mezzo dai piedi ma è presente del sottospill che compensa un pochino.









La casa in fondo al viale è ad una distanza di 70 metri. Livelli Turbo 1 e High. Mi scuso per i fari dietro la casa, ma erano accesi perchè doveva atterrare un'eliambulanza.





Ed ecco la torcia attaccata al cofano grazie al magnete in coda. Torna utile in caso di bisogno. Il livello è l'High.




Considerazioni personali

Di questa torcia mi è piaciuta molto per la sua UI che si differenzia dalle altre torce multitasto che ho visto fino ad ora. Essa è adatta sia a utilizzi tranquilli sia a utilizzi di ambito tattico anche se avrei preferito una gestione diversa dei due turbo con il tasto sul corpo, magari simile a quella della X7R in cui bastava eseguire una seconda volta il doppio click. Nella presa a pugnale risulta comodo tappare il tasto in coda ma ho trovato leggermente scomodo pigiarlo fino in fondo. Comoda anche la doppia clip ad "S".
Il LED ha una tinta che non presenta aberrazioni cromatiche e dona alla torcia un discreto tiro. Un punto aggiuntivo se lo guadagna perchè si può trovare, fuori dall'Europa, sia in tinta CW che NW, particolare non da poco.
Mi è piaciuto anche il fodero, completamente diverso da tutti gli altri, è stato studiato appositamente per usi stealth.
Nel completto, salvo qualche piccolo accorgimento di cui non si sente la mancanza, risulta una torcia molto prestande ma al tempo stesso pratica, ergonomica, leggera e versatile dato che può essere utilizzata sia come torcia tradizionale e sia, con i dovuti accessori che vedremo nelle prossimamente montata su fucili oppure come faro da bici. 


Voi cosa ne pensate? L'acquistereste? Fatemelo sapere nei commenti QUI.