Ciao a tutti, ringraziandoli per la fiducia concessami, oggi recensiremo la Nitecore LA30 che mi è stata gentilmente fornita da Nitecore stessa.
Zoom in (real dimensions: 1024 x 578)


CLICCA QUI per andare alla pagina ufficiale del prodotto sul sito Nitecore.

Ci tengo a precisare che le mie recensioni sono fatte a livello amatoriale e senza l'ausilio di strumenti scientifici o di test in laboratori segreti all'avanguardia e pertanto, tra le righe che seguiranno, ci saranno anche le mie umili impressioni.


Caratteristiche ufficiali:

- dual power source, portable camping lantern
- utilizes 8 high CRI LEDs (CRI
≥ 90) and 3 red LEDs
- max output up to 250 lumens
- powered by either the built-in 1800 mAh capacity rechargeable Li-Ion battery or 2xAA batteries
- APC (Advanced Power Cut Off) technology ensures zero-power consumption in standby
- single switch to control 3 brightness levels, 2 light sources and 2 special modes
- highly traslucent PC diffuser allows all light source to be well distributed
- built-in power indicator reports remaining battery power (Patent No.ZL201220057767.4)
-
built-in red power indicator doubles as a location signal
- Advanced Temperature Regulation
- High efficiency constant current circuit with runtime up to 56 hours
- magnetic base and loop for handle free applications


Dove acquistarla

La LA30 potrà essere acquistata, quando sarà disponibile in Italia, presso lo store ufficiale Nitecore Italia o il negozio italiano Coltelleria Collini.


La confezione e gli accessori

La LA30 arriva in una confezione di cartone dove, sul davanti, ci sono in grande il nome e un'immagine del prodotto, la scritta bi-fuel (che lascia intendere che questa lanterna è alimentabile in diversi modi e viene sottolineato dalle immagini e scritte poco più sotto), i lumens massimi e due cerchi colorati che indicano i colori disponibili (il bordo bianco indica il colore della lanterna nella scatola).



Sul retro sono riportate le caratteristiche del prodotto, le info sull'azienda, le conformità CE e RoHS ed un QRcode che ci porterà alla pagina del prodotto sul sito Nitecore.



Su entrambi i lati della confezione viene ripetuto il nome della lanterna e la possibilità di avere una doppia alimentazione.



Nella confezione sono presenti:

- la LA30 con batteria integrata NON estraibile
- un cavo USB -> microUSB lungo poco più di 1 metro
- 1 O-ring rettangolare per il coperchio
- 1 piccolo O-ring circolare per la vite sul fondo della lanterna

- il manuale
- il cartoncino della garanzia



Per terminare con questo paragrafo ecco le parti in inglese ed italiano del manuale che, in alternativa, può essere prelevato per intero da QUI (cliccando sul collegamento partirà in automatico il download del manuale).





La lanterna

La LA30 è l'ultima lanterna del brand Nitecore. Come i precedenti modelli, anche questa lanterna ha un corpo fatto quasi del tutto in plastica ed è disponibile nella colorazione azzurra o gialla.
Nella parte superiore, una cupola bianca traslucida che non lascia intravedere al suo interno, nasconde al suo interno 8 LED bianchi (NW) HI CRI e 3 LED rossi.
Vi sono inoltre 2 indicatori aggiuntivi (uno verde e uno rosso) che tornano utili in altre occasioni.
Un tasto gommato dalla breve corsa e mediamente rumoroso permette di interagire con l'UI.
Sia su questa facciata



che su quest'altra è inciso il nome Nitecore. Sul retro, dalla parte opposta al tasto, vi è anche il nome del modello in questione.



Su uno dei due lati corti (sull'altro non c'è nulla) è presente il tappino in silicone che protegge la porta microUSB. Sulla destra esso ha una piccola linguetta che ne permette l'apertura.



Una volta tolto, troviamo la porta per la ricarica della batteria Li-Ion non estraibile da 1800 mAh.



Sul fondo è presente un riquadro al cui interno sono riportati il nome della torcia, il nome del brand, le informazioni sulla batteria integrata e l'impermeabilità.
A sinistra del riquadro vi è una vite metallica che tiene serrato questo "tappo" che copre e protegge il vano batterie. La vite, anche se ha uno spacco per i cacciaviti, può essere tranquillamente svitata anche a mano dato che, sul suo bordo, vi è una zigrinatura apposita. Non è necessario togliere completamente la vite ogni volta che la svitiamo, bastano pochi giri ed il coperchio viene via.

A destra invece c'è l'incastro per il D-ring metallico che, una volta sbloccato, può tornare utile per agganciare la lanterna a testa in giù da qualche parte e, in alternativa, ci aiuta a togliere il coperchio.



Una volta tolto il coperchio, abbiamo accesso a 2 vani per batterie AA, che possono essere sia alkaline che Ni-Mh. Sulla plastica è inciso il disegno di una batteria e ci dice che verso bisogna rispettare per non rischiare di inserirle al contrario.



Dall'altro lato del coperchio, possiamo notare la vite a sinistra e un dentino di plastica a destra. Questo stratagemma non ci farà inserire il coperchio al contrario. Quattro minuscole viti a stella, poste agli angoli, permettono di smontare il coperchio e di accedere al magnete posto al suo interno e che permette alla LA30 di essere attaccata su tutte le superfici metalliche.



Ed ecco il coperchio visto di lato. Da notare come sia bello spesso. Balza inoltre all'occhio la guarnizione che, insieme a quella della vite ed al gommino sulla porta microUSB visto prima, assicura alla lanterna una protezione da polveri e dall'acqua secondo lo standard IP66.
Zoom in (real dimensions: 578 x 1024)


Grazie al magnete, si può attaccare la LA30 alla carrozzeria dell'auto ad esempio.



Il D-ring metallico si estrae facilmente e torna utile in quelle occasioni in cui non si può utilizzare il magnete



come ad esempio per appenderla al ramo di un albero.




La batteria e il circuito di ricarica

Come anticipato, la LA30 possiede una batteria integrata Li-Ion da ben 1800 mAh. Essa non è estraibile e può essere ricaricata solamente tramite il circuito di ricarica in dotazione alla lanterna. Per utilizzarlo basta avere a disposizione una qualunque fonte di energia (come ad esempio un powerbank) e collegare il cavo alla porta microUSB.
La velocità, sin da subito, parte a 0,53A. L'indicatore luminoso posto in un angolo della cupola sarà rosso



e diventerà verde quando terminerà la ricarica. L'intero processo durerà all'incirca 5 ore.
Sarà possibile utilizzare la lanterna quando la batteria integrata è in carica. Se il voltaggio della cella lo permette, potremmo addirittura accendere il livello High. Ovviamente, in queste condizioni, la ricarica completa non rispetterà le tempistiche classiche.



Volendo, però, possiamo alimentare la lanterna con 2xAA, sia Ni-Mh (consigliate) che Alkaline. Così facendo potremmo continuare ad utilizzare la lanterna mentre la sua batteria interna è in carica.
Ovviamente, dato che i circuiti sono separati, la ricarica non influirà sulle AA che andremo ad inserire nel vano batteria. C'è da ricordare che, se utilizzeremo le AA, non potremo utilizzare la batteria interna della LA30.


Come funziona

La Nitecore LA30 ha sette livelli selezionabili in totale. Due di essi sono quelli speciali (SOS e Beacon, ma solo con i LED rossi).

Secondo i dati ufficiali della casa, i livelli normali hanno le seguenti caratteristiche:

- High -> 250 lumens per 4 ore con la batteria interna o 3 ore con 2xAA
- Mid -> 55 lumens per 9 ore e 15 minuti con la batteria interna o 7 ore e 30 minuti con 2xAA
- Low -> 8 lumens per 56 ore con la batteria interna o 48 ore con 2xAA
- High Red -> 40 lumens per 7 ore e 15 minuti con la batteria interna o 6 ore con 2xAA
- Low red -> 5 lumens per 48 ore con la batteria interna o 40 ore con 2xAA

Accensione/Spegnimento

Una pressione del tasto per un tempo superiore ad un secondo, fà accendere o spegnere i LED bianchi della lanterna.
Una doppia e rapida pressione accendere i LED rossi.
Per spegnere la lanterna bisogna eseguire una pressione prolungata.
Dato che la lanterna non ha memoria, saranno accesi per prima sempre i livelli Low.

Cambio livelli normali/attivazione di quelli speciali

I livelli dei LED bianchi sono solo 3 e verranno ciclati con una singola breve pressione una volta che accenderemo la lanterna.
I livelli dei LED rossi sono 2 ma, ciclando questi ultimi allo stesso modo dei livelli dei LED bianchi, si avranno i 2 speciali: l'SOS e il Beacon. Questi ultimi 2 livelli avranno l'output di 40 lumens.
In entrambi i casi, i livelli cicleranno in loop in ordine crescente.

Scorciatoia per il livello High

Anche se la lanterna si accenderà sempre dal livello più basso, è possibile sfruttare una scorciatoia per attivare velocemente il livello High, anche se solo dei LED bianchi.
Con la lanterna spenta bisogna premere e tenere premuto il tasto di accensione. Dapprima si accenderà il livello Low ma, se continueremo a tener premuto, successivamente si accenderà l'High. Quando sarà acceso, potremo lasciare il tasto.

Locator

Si può utilizzare l'indicatore rosso della lanterna (quello che ci indica che la LA30 è in carica) per riuscire a trovare la lanterna al buio.
A lanterna accesa bisogna tenere pigiato il tasto per 3 secondi. Così facendo la lanterna si spegnerà ma l'indicatore emetterà un lampeggio ogni 2 secondi. Secondo le specifiche, in questo stato la LA30 può funzionare per ben 6 mesi se la batteria è completamente carica.

Avviso carica batteria


Sempre grazie ai lampeggi dell'indicatore rosso, è possibile conoscere la carica approssimativa della batteria in dotazione.
A lanterna spenta bisogna pigiare il tasto 1 volta. L'indicatore lampeggerà:
- 3 volte per indicare una carica > 50%
- 2 volte per indicare una carica compresa tra il 50 ed il 10 %
- 1 volta per indicare una carica < 10%

ATR

Anche la LA30 dispone del sistema ATR, il sistema che regola l'output massimo in base a quanto le condizioni climatiche riescano a dissipare il calore in eccesso.
Più queste condizioni saranno favorevoli per la lanterna e più il livello massimo emetterà più luce. Ovviamente di contro si avrà un runtime inferiore rispetto ad una condizione in cui si avrà una temperatura ambientale più alta.


Dimensioni: pesi ed ingombri

La Nitecore LA30 è grande 7,55 x 5 x 5,34 cm.
Pesa 117 gr senza nulla, 167 gr con 2 Ni-MH e 164 gr con 2 Alkaline.

A seguire, ecco il paragone dimensionale con un accendino BIC grande, una AA Alkalina ed una 18650





e con una LR10 ed una LR30.






Lumen, runtime, candele e beamshot

N.B. Le prove a seguire sono state fatte con la batteria integrata alla lanterna, una coppia di Alkaline e una coppia di Ni-Mh. Il tutto è stato eseguito in un ambiente casalingo a 20°, con e senza ventilazione forzata.

I seguenti valori sono stati presi con la batteria integrata carica e sono da considerarsi di picco.



I seguenti valori sono stati presi con la batteria integrata, una coppia di Ni-Mh ed una coppia di Alkaline cariche e sono da considerarsi di picco.

N.B. Le curve di scarica sono ovviamente indicative, il risultato potrebbe variare in positivo o in negativo a seconda delle batterie utilizzate dall'utente finale o dalle condizioni di utilizzo che possono variare dalle mie durante i miei test.

Le eventuali leggere discrepanze inerenti alle prove fatte su uno stesso livello sono da imputare ad un diverso posizionamento dell'attrezzatura di misurazione.



Il livello High, secondo le mie misurazioni, parte da poco più di 250 lumens e si comporta in maniera differente a seconda della temperatura o se la LA30 è alimentata dalla batteria interna o da 2xAA, sia esse Alkaline o Ni-Mh.
Il Mid parte da circa 55 lumens ed ha un andamento regolato.


Sul
livello High si può ben vedere come le Alkaline rendano peggio rispetto alle altre soluzioni, non solo come runtime ma anche a luce emanata. La batteria integrata fornisce comunque un'ottima durata sia in situazioni ventilate (dove abbiamo anche più luce a discapito della durata) che non (dove abbiamo una durata maggiore a discapito della luminosità).


Il record di durata sul livello High (secondo le mie prove) lo vince la prova non ventilata della li-ion, con le 4 ore e poco più di luce. Il livello Mid invece, ha un andamento stabile per ben 9 ore e 30 circa.

I seguenti valori sono stati presi con la batteria integrata carica e sono da considerarsi di picco.



La foto seguente è stata scattata per far capire come si propaga il fascio sia con la luce bianca che con quella rossa. Le foto a seguire sono state scattate con un bilanciamento del bianco di 4000K. Nella realtà la tonalità delle prime due foto tende più al giallino.









Beamshots di tutti i livelli, dal più alto al più basso, sia con la luce bianca che rossa. Le foto sono state scattate all'interno di un garage per far capire come, questa LA30, rende negli spazi chiusi.











Grazie al magnete, possiamo attaccare la lanterna al cofano dell'auto in caso di noie al motore





o in caso di foratura.





Da notare come, la luce rossa, sia particolarmente visibile e quindi ottima per segnalare problemi usando le due modalità speciali.


Considerazioni personali

Quello che rende particolare questa lanterna è proprio il suo punto di forza: la doppia alimentazione. La trovo una novità non da poco. Infatti, con il lavoro combinato di due diverse batterie, si può arrivare ad avere un runtime di tutto rispetto e tutto a favore, ovviamente, della praticità.
Come dimensioni resta un prodotto compatto (nonostante batteria e circuito di ricarica integrati) e bello a vedersi, l'azzurro di quella del test è veramente molto bello.
Il funzionamento rimane molto simile, se non uguale, alle altre lanterne del brand Nitecore da me provate in precedenza. L'UI è semplice da memorizzare ed offre anche la scorciatoia al livello High... cosa desiderare di più?
Sia i LED rossi che le modalità speciali tornano utili, vuoi per salvaguardare la vista notturna, vuoi per rendersi più visibili in situazioni di emergenza.
A mio avviso è un prodotto ben riuscito. La potenza è adeguata, già il livello Mid è sufficiente per illuminare una stanza di medie dimensioni, figurarsi l'interno di una tenda.
Se dovessi trovarci il pelo nell'uovo, mi verrebbe da dire solamente che la linguetta del tappino in silicone della porta microUSB poteva essere 1 mm più sporgente. Così com'è non rende difficoltosa l'estrazione del tappino ma, dato che sono uno che mangia le unghie, avrei giovato di un "aggancio" maggiorato.


Voi cosa ne pensate? L'acquistereste? Fatemelo sapere nei commenti QUI.