Ciao a tutti, oggi recensiremo la nuova Olight ION mandatami per l’occasione dallo store Olight® Direct IT, che ringrazio per la fiducia concessami.



CLICCA QUI per andare alla pagina ufficiale sul sito Olight.

Ci tengo a precisare che le recensioni sono fatte a livello amatoriale e senza l’ausilio di strumenti scientifici o di test in laboratori segreti all’avanguardia pertanto, tra le righe che seguiranno, ci saranno anche le mie umili osservazioni.


Caratteristiche ufficiali prese dalla casa:

- first flashlight in the world that uses a glass control panel in a 1mm thin frame
- first flashlight in the world that controls the output through built-in pressure sensors under a glass control panel. Single press to select from four preset brightness levels, or press and hold for a custom output
- remaining battery power indicator: green (>75%), yellow (15%~75%) or red (<15%)
- charging status indicator: red (charging), green (charging completed) both positioned on the “O” letter on the center of the panel
- TIR optic lens used for soft and balanced close-range illumination
- ON/OFF slide power switch located on the side for quick power control
- Waterproof -> IPX0


Dove acquistarla

La torcia è acquistabile facilmente in Italia dalla pagina Amazon di Olight® Direct IT.


La confezione e gli accessori

La Olight ION viene venduta in una piccola scatola di cartone rigido, decisamente protettivo e di forma rettangolare.
La confezione è minimal. S
ul davanti vi è solo la scritta argentata con il nome del modello ed una scritta dorata che ricorda il 10° anniversario del brand.




Sul retro vi è un adesivo che riporta le informazioni sul brand Olight.



Sul bordo più corto della scatola si trova la scritta "Limited Edition" ad informarci che questo modello è un'edizione composta da pochi pezzi.



Appena apriamo la confezione, ci troviamo subito davanti alla torcia avvolta, tutt'intorno, da una sottile pellicola in plastica.
Una piccola linguetta, sempre in plastica, ci facilita l'estrazione della torcia dal suo vano.




Subito sotto il vano troviamo 3 distinte confezioni che contengono gli accessori.



Una volta estratto tutto dalle varie scatoline, avremo:

- la torcia
- 2x pellicole rigide proteggi schermo

- un anellino metallico
- un gancetto metallico per attaccare la torcia dove preferiamo
- il cavo USB -> microUSB (lungo poco più di 50 cm)
- una sottile lamina metallica azzurra con i ringraziamenti della Olight
- il manuale in diverse lingue, italiano incluso




A seguire ecco il manuale nelle sole parti in inglese ed italiano che, a scelta, potete visionare e/o scaricare (gratuitamente) per intero direttamente dal sito Olight andando su QUESTA pagina.




La torcia

La ION è la nuova torcia compatta ed usabile come portachiavi di casa Olight.
A differenza di altri prodotti simili, sono stati usati materiali decisamente di qualità. Infatti l'intero monoblocco, che non si può smontare in alcun modo, è in titanio ed in vetro Gorilla Glass (spesso 1 mm) e la batteria integrata (una LiPo da 3,7v secondo le specifiche) è da 300 mAh e non è estraibile.
Per non rischiare di danneggiare le superfici in vetro, volendo, si possono applicare le due pellicole protettive incluse nella confezione.

La faccia principale in vetro ha 2 tasti tattili (bisogna esercitare un minimo di pressione) per comandare la UI, facilmente riconoscibili grazie ai simboli " + " e " - " ma non retroilluminati.
Al centro, tra i due simboli, si trova la scritta ION. La lettera "O" al centro è l'unico elemento retroilluminato ed ha il compito di avvisarci, illuminandosi di verde, arancio e rosso, della carica residua della batteria e, durante la ricarica, ci avverte quando il processo di carica è in corso o è terminato.



Ecco le tre possibili colorazioni della "O".



Sul retro, sull'altra superficie in vetro, sono presenti le scritte che richiamano l'anniversario dei 10 anni di questo brand. Infatti questa edizione è commemorativa per questo evento.



In testa trovano posto, incassati nel corpo torcia e sotto le due lenti TIR (non sfaccettate), due LED CREE XP-G3 dalla tinta CW. La tinta di per sé non è pura al 100 % e lo spill ha una dominanza leggermente verdina.



Su uno dei due lati è inserita una levetta che funge da interruttore meccanico. Essa sporge leggermente dal corpo e ha una zigrinatura per migliorare il grip durante l'uso. Il movimento della levetta ha solo due posizioni (ON e OFF) e, solo quando è spenta (stessa posizione della foto) è visibile quel piccolo adesivo rosso ad indicarci che è bloccata meccanicamente. Non è presente un adesivo verde per indicarne lo sblocco quando la levetta è spostata nella posizione di ON.



Dalla parte opposta alla levetta, vi è la porta microUSB che ci permette di ricaricare la batteria interna. A destra della porta vi è il logo Olight e, a seguire, uno dei due fori per un lacciolo o per l'anellino metallico.
Ci tengo a precisare che, a causa degli assemblaggi ad incastro e la porta praticamente a vista, l'intera torcia è priva di una qualsiasi protezione da acqua e polveri, è infatti viene indicata la protezione IPX0 (ovvero nulla).



Sul fondo si trova, oltre all'altro foro, il numero di serie del prodotto.




La batteria e il sistema di ricarica

La batteria interna alla torcia è, secondo le specifiche, una LiPo ricaricabile da 300 mAh. Come anticipatamente detto, non è estraibile ed è ricaricabile grazie alla porta micrUSB vista prima.

Quando la batteria ha un voltaggio troppo basso, si accenderà il LED rosso posto dietro la lettera "O" del nome "ION" per informarci che sarà meglio ricaricare la batteria al più presto.

La ricarica parte ad una velocità di 0,30A. Notare la "O" rossa



ed impiega, partendo con la batteria completamente scarica, circa 1 ora e un quarto per portare la batteria al 100%. Al termine della ricarica, la "O" diventa verde.




Come funziona

La Olight ION ha 6 livelli selezionabili di cui due da richiamare (il Max ed il Min), non sono presenti livelli speciali.

Secondo i dati ufficiali della casa, i livelli  hanno le seguenti caratteristiche:

- Max -> 320 lumen
per 27 minuti
- Mode 1 -> 160 lumen per 1 ora
- Mode 2 -> 40 lumen per 4 ore
- Mode 3 -> 10 lumen per 16 ore
- Mode 4 -> 2,5 lumen
per 45 ore
- Min -> 1 lumen per 90 ore

Accensione/Spegnimento

Intervenire sull'interruttore meccanico posto sul lato della torcia la farà accendere o spegnere

Cambio livelli

Una volta accesa la torcia, basterà pigiare sui simboli "+" o "-" per aumentare o diminuire la luminosità dei livelli, che vanno dal Mode 1 al Mode 4.
Dato che sulla ION sono presenti dei sensori di pressione, dovremmo ricordare che i livelli non cambieranno se non pigieremo bene sui simboli "+" e "-".

La ION è dotata di memoria ed ad ogni riaccensione ci ritroveremo nell'ultimo livello in cui eravamo quando l'abbiamo spenta.

Richiamare i livelli

Come detto all'inizio di questo paragrafo, i livelli Max e Min dovranno essere richiamati quando la torcia sarà già accesa.
Da qualsiasi livello basterà tener premuto il simbolo "+" o "-" per avere un aumento, o una diminuzione, dei livelli fino a raggiungere il livello massimo o minimo. Questo incremento o decremento della luminosità non avviene in maniera violenta ma, per una miglior adeguamento al cambio di luminosità da parte dei nostri occhi, avverrà in maniera controllata e progressiva.

Avviso basso voltaggio

Come ripetuto pià volte, la "O" della scritta ION è retroilluminata e, a seconda del colore proposto, sapremo in maniera approssimativa la % di carica residua della batteria.
Se il LED sarà verde, avremo una carica che va dal 100% al 75%; se sarà arancione, avremo una carica che va dal 75% al 15%; se sarà rosso, la carica sarà inferiore al 15%.


Dimensioni: pesi ed ingombri

La ION è un piccolo mattoncino della misura di 5,82 x 2,71 x 1,2 cm. Pesa 34 gr.

A seguire, le foto per un paragone dimensionale tra un accendino BIC grande e una 18650,




la Oligh i3E EOS con la S1 Mini Baton



e la Nitecore TIP con la TINI.






Lumen, runtime, candele e beamshot

N.B. Le prove a seguire sono state eseguite con la batteria integrata alla torcia. Il tutto è stato eseguito in un ambiente casalingo a 18° e, a seconda dei test, con e senza ventilazione forzata.

I seguenti valori sono stati presi con la batteria integrata carica e sono da considerarsi di picco.



I seguenti valori sono stati presi con la batteria integrata carica e sono da considerarsi di picco.

N.B. Le curve di scarica sono ovviamente indicative ed il risultato potrebbe variare in positivo o in negativo a seconda delle batterie utilizzate dall'utente finale o dalle condizioni di utilizzo, che possono variare dalle mie durante i miei test.

Le eventuali leggere discrepanze inerenti le prove fatte su uno stesso livello sono da imputare ad un diverso posizionamento dell'attrezzatura di misurazione.







I seguenti valori sono stati presi con la batteria integrata carica e sono da considerarsi di picco.



Le foto seguenti sono state scattate ad una distanza di 20 cm dal muro prima. La forma del fascio appare rettangolare vista la conformazione della testa della torcia.



Ampiezza fascio.



Foto fatta al livello Max. Dal vivo appare leggermente più luminoso.
La linea degli alberi è a 25 metri.
Con il braccio piegato a 90° e lo spot rivolto all'infinito, lo spill è distante circa 20/30 cm dai piedi.




Considerazioni personali

Piccola, elegante e potente. Bastano questi pochi aggettivi per descrivere la Olight ION.

Esteticamente è fantastica, l'UI è semplice da ricordare (a patto di premere bene i tasti dopo averli trovati) e, tra gli accessori inclusi, ho apprezzato le pellicole rigide.
Il costo da pagare è una totale assenza di protezione da polveri e liquidi e una leggera propensione a scivolar via dalle mani.

Aggiungo che, tra tutte le torce provate, questa è la prima che ha un comportamento regolato al livello massimo. Va fatto un plauso a Olight per questo risultato e per il fatto di aver portato sul mercato un prodotto innovativo, bello esteticamente e costruito con una bella accoppiata di materiali.


Voi cosa ne pensate? L'acquistereste? Fatemelo sapere nei commenti QUI.