Ciao a tutti. Ringraziandoli per la fiducia concessami, oggi recensiremo il Nitecore LC10 che mi è stato gentilmente fornito dalla stessa Nitecore.



CLICCA QUI per andare alla pagina ufficiale del prodotto sul sito web Nitecore.

Ci tengo a precisare che le mie recensioni sono fatte a livello amatoriale, quindi senza l’ausilio di strumenti fantascientifici o di test in laboratori segreti ed all’avanguardia. Pertanto, tra le righe che seguiranno, ci saranno le mie umili osservazioni ed anche le mie umili opinioni.


Caratteristiche ufficiali:

- portable magnetic outdoor USB charger
- with charging and discharging functions
- capable of charging cylinder rechargeable Li-Ion battery
- integrated USB 2.0 input and output ports
- intelligently identifiers the positive and negative tips of battery
- sensory white light for 3 brightness levels and power indicators
- 3 power indicators show the charging/discharging status
- automatically detects battery power status and select the appropriate charging mode (cc, cv)
- overtime charging protection
- compatible with power bank, 5V solar panel and USB adaptor
- made from fire retardant / flame retardant PC+ABS material
- certified by RoHS, CE, FCC and CEC
- insured worldwide by Ping An Insurance (Group) Company of China, Ltd.


Dove acquistarlo

Il Nitecore LC10 può essere acquistato presso lo store ufficiale italiano Nitecore Italia o presso il negozio Coltelleria Collini.


La confezione

Il Nitecore LC10 viene venduto all'interno di un blister in plastica quasi del tutto racchiuso in un cartoncino giallo e nero che riporta tutte le informazioni.
Sul davanti vi è il nome e la foto del prodotto e la scritta "Portable Magnetic USB Charger".



Sul retro viene ripetuta questa dicitura ed il nome del prodotto e troviamo una rappresentazione del caricabatterie dove sono indicate e descritte le varie parti che lo compongono. Segue un elenco delle batterie compatibili (soltanto Li-Ion / IMR) e le certificazioni CE, FCC, CEC e RoHS. Per finire ci sono i dati dell'azienda ed il loro sito internet.



Su uno dei lati viene spiegato che questo caricatore è magnetico, compatibile con tutte le batterie cilindriche (agli Ioni di Litio) e con i sistemi Android e IOS e che ha dei LED bianchi di cortesia e dei LED rossi che indicano la carica.



Sull'altro lato viene ripetuta la scritta "Portable Magnetic USB Charger" e ci viene indicato che, per scaricare e visionare il manuale del prodotto, bisogna scansionare il QRcode che ci indirizzerà alla pagina del prodotto sul sito Nitecore.



Una volta che estrarremo tutto dalla confezione, troveremo:
- il caricabatterie LC10
- un adattatore bianco per dispositivi Apple (microUSB -> Lightning)
- il manuale multilingua



Ecco nel dettaglio l'adattatore che su una estremità ha il plug Lightning



e dall'altra la porta microUSB. Se il vostro telefono è dotato di USB Type-C non temete, in commercio esistono ovviamente degli adattatori microUSB -> Type-C.



Ecco infine la pagina del manuale nelle lingue inglese ed italiano. È comunque possibile visionare (e scaricare) il manuale nella sua interezza a QUESTO indirizzo.




Il caricabatterie

L'LC10 è uno dei caricabatterie portatili della Nitecore, compatto e leggero. Il corpo è interamente fatto in plastica, in grado di ritardare eventuali fiamme, dalla colorazione nera.
Esso funziona sia da caricabatterie (tutte quelle cilindriche agli ioni di litio) ma è anche in grado di sfruttare la loro carica per ricaricare i vari dispositivi elettronici compatibili, come se fosse un vero e proprio powerbank.
Al centro della caricatore è situata una sorta di cupola satinata sotto la quale sono inseriti 6 piccoli LED, 3 rossi e 3 bianchi.



Per poter ricaricare le batterie è necessario collegare il plug USB ad una qualsiasi fonte in grado di erogare 5V (caricatore da muro, da auto, pannello solare, powerbank, ecc.). Da notare come sotto il connettore si trovi il logo Nitecore e, a seguire, vi sia il simbolo dell'USB.



Osservando lateralmente questa sezione possiamo notare come il tutto non sia eccessivamente spesso.



Dalla parte posteriore non si trovano i contatti del connettore dato che è un plug compatto. Troviamo invece il nome del caricatore e la scritta OUT.



Disegno e scritta non sono li per caso... Infatti, afferrando e spostando verso il basso quella parte li, verrà liberato il plug microUSB che potremo inserire nei vari dispositivi compatibili con i 5V (anche Apple grazie all'adattatore) e potremo ricaricarli usando questo caricabatterie come se fosse un vero e proprio powerbank, usufruendo della carica delle batterie che più ci aggradano. Ovviamente, acquistando a parte un altro adattatore, potremo ricaricare anche i dispositivi dotati di USB Type-C.



Ecco il plug microUSB.





La cupola satinata, sotto la quale sono presenti i LED, ci permette di intravedere quelli che poi faranno luce bianca.



Dalla parte opposta alla cupola si trovano impresse le certificazione CE (in alto) e le specifiche di input e di output (in basso).
Troviamo anche il simbolo di accensione/spegnimento perchè esso funziona da sensore tattile e ci permetterà di ciclare i vari livelli dei LED posti all'interno della cupola (quando ovviamente saranno alimentati da una fonte di energia).



Dalla parte opposta alla plug USB si trovano 2 connettori magnetici sul cui guscio esterno è impresso il logo Nitecore.



Questi due connettori magnetici sono dorati e si attaccheranno saldamente ai poli delle batterie che vorremo ricaricare. Non vi è una polarità definita da rispettare perchè il caricabatterie la riconoscerà in automatico e farà partire la ricarica autonomamente ed in tutta tranquillità.




Come funziona

Come detto prima, questo particolare caricabatterie permette di ricaricare tutti i tipi di batterie agli ioni di litio (21700, 26650, 18650, 18350, 16340, 14500, tanto per citarne alcune) oppure di usare queste ultime per caricare altri dispositivi (ad esempio il cellulare scarico in un momento di estremo bisogno) proprio come se fosse un vero e proprio powerbank.

Per caricare le batterie

Collegare il plug USB dell'LC10 ad una fonte di corrente in grado di erogare 5V (caricatore da muro, da auto, powerbank, pannello solare, ecc.) e collegare i terminali magnetici sui poli della batteria per far partire la ricarica automaticamente. Vi ricordo che non vi è una polarità da rispettare

Per ricaricare dispositivi in casi di emergenza

Inserire una batteria (possibilmente capiente) tra i terminali magnetici, estrarre il plug microUSB e attaccarvi il dispositivo per far partire la ricarica di quest'ultimo automaticamente. Vi ricordo che si possono usare gli adattatori qualora il vostro dispositivo abbia la porta Lightning o USB Type-C.

Ad ogni modo, indipendentemente dall'uso che farete dell'LC10, si accenderanno gli indicatori rossi sotto la cupola ad indicare lo stato di carica o di scarica.
3 indicatori accesi indicano una carica compresa tra il 100 e l'80%;
2 indicatori accesi indicano una carica compresa tra l'80 ed il 50%;
1 indicatori acceso indica una carica inferiore al 50%;
1 indicatore lampeggiante indica che la batteria deve essere estratta quanto prima.
N.B. Inserire la batteria tra i terminali magnetici, senza collegare altro al caricabatterie, farà accendere i LED rossi per comunicarci, in maniera approssimativa, la carica residua che ha la cella.

Ecco i tre indicatori rossi accesi.



Indicatori bianchi

Oltre ai 3 indicatori rossi, sotto la cupola ci sono anche 3 indicatori bianchi che potranno fungere come una vera e propria torcia di emergenza visto che avremo ben 3 livelli a disposizione.
Basta alimentare il sistema in uno dei 2 modi (con una batteria o con un caricatore/powerbank USB) e lasciare accendere gli indicatori rossi. Intervenendo poi sull'interruttore tattile potremmo ciclare tra i tre livelli luminosi disponibili.
N.B. Se un processo di ricarica è in corso non sarà possibile accendere gli indicatori bianchi.

Ecco i 3 livelli a disposizione (hanno una durata variabile in base al dispositivo USB collegato):

Low - 0,3 lumens - runtime 550 ore se alimentato a batteria



Mid - 1 lumen alimentato a batteria e 1.8 lumens alimentato via USB - runtime 300 ore se alimentato a batteria



High - 6 lumens alimentato a batteria e 10 lumens alimentato via USB - runtime 100 ore se alimentato a batteria



Come detto prima, è possibile anche usare il caricabatterie per trasformare una qualsiasi batteria agli ioni di litio (nella foto ho usato una classica 18650) in un powerbank (in questo caso sto ricaricando la TINI Cu).



Ho anche eseguito delle prove di ricarica su varie batterie. Ho utilizzato una 21700 da 5000 mAh nominali, una 26650 da 5500 mAh nominali, la Nitecore NL1835HP (18650) da 3500 mAh nominali e una 18350 da 750 mAh nominali. Ecco a seguire tutti i valori del caso e le tempistiche.




Dimensioni: pesi ed ingombri

Il Nitecore LC10 è lungo 24,5 cm, la cupola contenente gli indicatori misura 4,4 x 2,42 x 1,41 cm, i magneti hanno un diametro totale di 1,82 cm e pesa 28 gr.

A seguire, ecco il paragone dimensionale con un accendino BIC grande, una 18650



e l'Olight UC (l'altro caricatore USB magnetico che ho a disposizione).




Beamshot

Come ho detto prima, gli indicatori bianchi possono essere utilizzati come una torcia di emergenza ma proprio per questo la loro potenza luminosa ed il tiro a disposizione sono ben pochi.

Le foto a seguire sono state scattate con il bilanciamento del bianco regolato sui 5200K.

Queste foto sono state scattate ad una distanza di 40 cm dal muro ed al livello massimo.




Ampiezza fascio, sempre livello massimo.



Ecco un video per farvi vedere nel dettaglio il caricabatterie e come le informazioni vengono mostrate a display




Considerazioni personali

Questo LC10 è il più compatto e leggero caricabatterie della Nitecore, forse anche più dell'F1.
In questo piccolo oggetto è possibile trovare un caricabatterie che può essere usato anche come powerbank e una torcia di emergenza.
Il caricabatterie è compatibile con tutte le celle agli ioni di litio esistenti in commercio ed ha una velocità media di 0,80A. Ricordatelo se magari avete a che fare con le batterie troppo piccole o troppo capienti, le tempistiche di ricarica in quest'ultimo caso saranno abbastanza elevate. Ricordo che è disponibile un mio schema sulle velocità in qualche capitolo fà.

Non è un prodotto adatto alle persone che necessitano di velocità di ricarica elevate dato che non è il suo punto forte. Deve essere visto per quello che è: un caricabatterie di backup, forse come IL caricabatterie di backup per eccellenza visto le sue doti.


Voi cosa ne pensate di questo caricabatterie? L'acquistereste? Fatemelo sapere nei commenti QUI